Category Archives: Primo Piano

Chi sarà il nuovo presidente della Repubblica?

Da oggi il parlamento sarà chiamato ad eleggere il successore di Giorgio Napolitano alla presidenza della Repubblica dopo le dimissioni di quest’ultimo. Il novennato di Napolitano si è caratterizzato per un forte intervento nelle scelte politiche del governo e del parlamento. Il presidente uscente si è anche segnalato per la scelta di Mario Monti come capo del governo nella fase acuta della crisi del debito quando lo spread, il differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi, aveva toccato picchi vertiginosi. Ma soprattutto Napolitano sarà ricordato per essere finora l’unico presidente ad essere rieletto per un secondo mandato. Molti ricorderanno l’incresciosa votazione che affondò Prodi nel 2013 e come conseguenze portò la fine della segreteria Bersani e diede vita ad un governo di larghe intese con Enrico Letta a Palazzo Chigi. Dopo quasi due anni sono molte le cose cambiate sulla scena politica italiana. Renzi è il nuovo presidente del Consiglio, Berlusconi è decaduto da senatore dopo essere stato condannato per frode fiscale e il Movimento Cinque Stelle fatica a prendere in mano le redini dell’opposizione. Anche questa volta l’elezione presenta molte incognite. Quali caratteristiche deve avere il nuovo presidente? Deve essere laico o cattolico? Uomo o donna? Lo si preferisce “interventista” o semplice taglianastri? Tecnico o politico? Ma molti interrogativi investono chi dovrà eleggere il presidente. Il patto del Nazareno tra Renzi e Berlusconi, l’accordo per la riforma elettorale e della Costituzione, potrebbe interessare anche l’elezione del nuovo inquilino del Quirinale. Quello che è certo è che il pallino dell’elezione è nelle mani del PD che detiene quasi la metà dei grandi elettori e, dopo le elezioni europee, rappresenta il secondo banco di prova per Matteo Renzi. Un elezione nei primi quattro scrutini sarebbe certamente un successo per Renzi, ne rafforzerebbe la leadership nel partito e la presa sull’elettorato. In caso contrario, un elezione che si trascina per cinque o più scrutini creerebbe certamente grattacapi all’ex sindaco di Firenze, metterebbe in crisi il patto del Nazareno e porterebbe alla ricerca di maggioranze alternative con il ritorno in gioco della minoranza Pd, di Sel e del Movimento Cinque Stelle.

A cura di Gianluca Bianco

LA GIORNATA DELLA MEMORIA

Nel settantesimo anniversario della liberazione dei detenuti di  Auschwitz

Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche dell’ Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento  di Auschwitz, liberarono i superstiti e svelarono al mondo l’orrore del genocidio perpetrato dai nazisti. Milioni di persone inermi, in gran parte ebrei, ma anche zingari, omosessuali ecc…(le razze inferiori) erano stati “eliminati” nelle camere a gas e sottoposti alle più crudeli sofferenze. I sopravvissuti, denutriti, spaventati, ridotti dalla fame e dagli stenti a veri e propri fantasmi ed in attesa di subire la stessa sorte dei compagni di sventura, non erano neanche in grado di capire che quei soldati erano i loro liberatori e che i loro aguzzini erano scappati ed erano stati sconfitti. Era tanta la commozione e l’incredulità che si decise di filmare quell’orrore per mostrarlo al mondo intero. Mezzo secolo dopo, nel 2005, l’assemblea generale dell’ ONU decise di celebrare, in tale data, “LA GIORNATA DELLA MEMORIA”, affinché l’umanità intera ricordasse sempre a quali atrocità e nefandezze era precipitato il genere umano e fosse di monito per le future generazioni. Anche l’Italia aderì all’iniziativa “al fine di ricordare la SHOAH (sterminio del popolo ebreo), le leggi razziali, la persecuzione dello stato fascista contro i cittadini ebrei, gli italiani che avevano subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che si erano opposti al progetto di sterminio ed a rischio della propria vita avevano salvato altre vite e protetto i perseguitati”. Effettivamente il 27 gennaio di ogni anno tantissime sono le manifestazioni e le celebrazioni “PER NON DIMENTICARE” quegli eventi. Anche a Pianura si organizzavano incontri e riunioni per “NON DIMENTICARE”. Tra l’altro, fino a qualche anno fa, i locali che l’Associazione Nazionale ex Internati aveva donato alla cittadinanza pianurese, con il concorso delle scuole del quartiere, erano stati il luogo di incontro con gli alunni e gli studenti. Si proiettavano film, documentari e le testimonianze dirette delle vittime e/o dei loro congiunti erano le migliori attestazioni sulle atrocità commesse in nome di una assurda pretesa  di superiorità razziale. Il “Corriere di Pianura” confida che le Istituzioni democratiche territoriali, in primis la IX Municipalità, il Comune e le scuole del quartiere possano riprendere a trattare questi temi, affinchè la data del  27 gennaio sia di nuovo degnamente celebrata, anche nel nostro quartiere,  come  la “GIORNATA DELLA MEMORIA”.

di Augusto Santojanni

 

Visita pastorale del Vescovo di Pozzuoli a Pianura

Ieri 10 gennaio 2015, nella chiesa Santa Famiglia di Pianura, si è tenuta la liturgia di accoglienza per il Monsignor Gennaro Pascarella, Vescovo di Pozzuoli, in occasione della visita pastorale che continuerà fino a domenica 18, giorno in cui vi sarà una concelebrazione eucaristica in vista dell’anniversario della nascita del Beato Giustino della Trinità e della conclusione della visita pastorale del Vescovo. Nei prossimi giorni, tra i vari impegni, S.E. Pascarella visiterà gli ammalati, le realtà scolastiche e la Comunità S. Mattia nel Vocazionario. Inoltre da lunedì 12 sarà possibile per i fedeli incontrare personalmente il Vescovo.

vescvescovCarmen Maria Polverino

 

“Ambiente e Salute. Riqualifichiamo Pianura”

Volantino 15 dicembre sitoPer circa mezzo secolo il quartiere di Pianura a Napoli ha ospitato la discarica di rifiuti più grande Europa. Come hanno dimostrato le diverse inchieste della magistratura, suffragate da centinaia di testimonianze, e prove fattuali, in quel luogo sono stati scaricati illegalmente rifiuti di provenienza industriale e di natura tossica da tutta Italia. Dopo circa due decenni dalla chiusura dell’ultimo sito di conferimento, nonostante i proclami di reboanti riqualificazioni (ricordiamo il progetto dei campi da golf, ecc.), quella vasta area declassata da sito d’interesse nazionale a regionale, non rientrante nemmeno nelle ultime misure legislative riguardanti la cosiddetta “Terra dei Fuochi”, attende ancora una “messa in sicurezza”, affinché gli effetti di biogas e percolati non vadano ad incidere direttamente sulla salute dei cittadini, in ottemperanza anche dalla Direttiva Europea 1999/31/EC. Per anni residenti di quelle aree, con il sostegno di associazioni ambientaliste, sanitarie e legali, hanno dimostrato con dati scientifici, l’aumento e la diffusione di peculiari patologie oncologiche, che hanno colpito tutte le fasce d’età. L’iniziativa “Ambiente e Salute. Riqualifichiamo Pianura”, che si svolgerà lunedì 15 dicembre alle ore 16.30, presso l’Istituto Comprensivo Statale Don Giustino Russolillo (ex-plesso Torricelli, in via Torricelli 5/c) nel quartiere di Pianura, promossa dall’associazione civica “Noi per Napoli” e da decine di realtà del territorio operanti da sempre nell’ambientalismo e nel sociale (Volontari Flegrei per l’Ambiente, Casa Natale Don Giustino, Corriere di Pianura, Oceanus, Associazione Lello Mele, L’Isola che c’è, Oceanus, Radio Shamal) e costituite in molti casi direttamente da ammalati o ex-ammalati, ha l’intento di riaccendere la luce e l’attenzione su un territorio devastato, riprendendo una battaglia di civiltà, affinché gli organi istituzionali preposti si adoperino per una seria riqualificazione di quell’area, pre-requisito per un pieno sviluppo, dopo decenni di promesse e abbandono.

All’incontro, introdotto da Gaetano La Nave (Noi per Napoli) e moderato da Antonio Di Maio (Corriere di Pianura), parteciperanno:

Franco Ortolani – Ordinario di Geologia dell’Università Federico II di Napoli

Antonio Marfella – Oncologo dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli

Aldo Loris Rossi – Urbanista Emerito dell’Università Federico II di Napoli

Umberto Ranieri – Presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa

Tommaso Sodano – Vicesindaco di Napoli con delega all’Ambiente

Luca Colasanto – Presidente della Commissione Ambiente della Regione Campania

“AMBIENTE E SALUTE. RIQUALIFICHIAMO PIANURA”

Volantino Pianura

La discarica di Pianura è una ferita ancora aperta: se, a distanza di 20 anni dalla chiusura, siamo ancora qui a parlare di bonifica mancata, se siamo qui ancora a rivendicare la messa in sicurezza della discarica, se siamo ancora qui a chiedere con forza la riqualificazione della zona dei Pisani e più in generale del quartiere di Pianura, se siamo ancora qui ad interrogarci se le decine di persone che si sono ammalate e che sono morte di tumore, sono vittime dell’inquinamento e della devastazione ambientale causata dalla discarica, possiamo sicuramente dire che la discarica dei Pisani è ancora una ferita aperta: è una ferita che provoca ancora dolore per i danni che ha causato all’ambiente e per gli effetti sulla salute dei cittadini. E’ una ferita che provoca rabbia per la mancata bonifica e la messa in sicurezza mai completamente compiute.

Siete tutti invitati a partecipare all’incontro “AMBIENTE E SALUTE. RIQUALIFICHIAMO PIANURA” che si terrà il 15 dicembre alle ore 16.30.

Antonio Di Maio

In edicola il numero di novembre de “Il Corriere di Pianura”

prima novembre

 

Nel numero di novembre de “Il Corriere di Pianura” in edicola, potete trovare un servizio sull’inaugurazione della “Casa della Cultura e dei Giovani” ed il ricordo del compianto Giorgio Nugnes a 6 anni dalla scomparsa. A pagina 6 c’è poi l’intervista all’assessore municipale Zarra sulla riqualificazione dell’edificio a via Parroco Simeoli. A pagina 4, l’associazione antiracket di Pianura spiega come la camorra e la corruzione siano un problema di tutti. Spazio anche alle novità sulla raccolta differenziata e alla denuncia dell’ennesima discriminazione ai danni dei pianuresi che per la vaccinazione devono recarsi a Soccavo ed il furto alla scuola “Palasciano”. Ampio spazio, inoltre, alla visita pastorale nel nostro quartiere di S.E. Gennaro Pascarella, vescovo di Pozzuoli: a pagina 8, potete trovare l’intervista a padre Mario, nuovo parroco della “Santa Famiglia”. Una pagina è dedicata a Vincenzo, il ragazzo seviziato nell’autolavaggio a Pianura.

Chi lo desidera, può ricevere ogni mese “Il Corriere di Pianura” in formato PDF tramite posta elettronica;
basta scrivere all’indirizzo: corrieredipianura@email.it e sarà inserito nella nostra mailing list.

Non perdetelo!

 

 

 

DA DOMANI IN EDICOLA IL NUMERO DI NOVEMBRE DE “IL CORRIERE DI PIANURA”

Il nuovo numero del nostro mensile da domani vi aspetta in edicola: non perdetelo

prima novembre

 

Furto all’Istituto Comprensivo “72° Palasciano” di via Marrone

Il 28 ottobre scorso l’Istituto Comprensivo Palasciano di Pianura è stato teatro di atti vandalici da parte d’ignoti che si sono introdotti nella scuola, scassinando un massiccio cancello di ferro. Gli sconosciuti sono entrati e si sono diretti nell’ufficio della Dirigente Scolastica dott.ssa Elena De Gregorio. Sono stati portati via un video per il pc, una cassetta per la raccolta fondi per un’associazione di volontariato e dei soldi tenuti in un cassetto per le spese di cancelleria. Sul posto è intervenuta la polizia scientifica per raccogliere prove utili per la cattura dei responsabili di questo scempio. La Dirigente dott.ssa De Gregorio ha deprecato questo episodio di criminalità perpetrato in un luogo che rappresenta un presidio di legalità che è stata violata con quest’azione di vandalismo. Dopo questo increscioso episodio si fa più urgente la necessità di monitorare un territorio così vulnerabile come Pianura auspicando un ampliamento dell’organico delle forze dell’ordine. A tal proposito il Presidente della IX Municipalità Maurizio Lezzi, ha espresso solidarietà alla dottoressa De Gregorio e ha confermato l’apertura quanto prima di un nuovo commissariato di Polizia a Pianura con un cospicuo numero di agenti a vigilare sul territorio.

Maria Palma Gramaglia

Asìa: anche a Pianura si separeranno solo secco e umido

L’Asìa, l’azienda che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti a Napoli ha lanciato, in alcune zone, un nuovo metodo di conferimento della spazzatura e di selezione dei materiali. In sei quartieri cittadini, le tradizionali campane per la raccolta dei singoli prodotti sono state sostituite da oltre 400 nuovi contenitori. I cassonetti “magenta”, già distribuiti dall’azienda, possono ospitare quindi i sacchetti contenenti, per la prima volta insieme, tutti i materiali appartenenti al “secco riciclabile” cioè, carta, plastica, vetro e metalli. Un’innovazione efficace che coinvolge il Centro Direzionale, Scampia, Chiaiano, Ponticelli, San Giovanni a Teduccio e anche Pianura, in altre parole quelle zone che hanno fatto registrare i livelli più bassi di raccolta differenziata. Per quanto riguarda il nostro quartiere questo sistema riguarderà anche i parchi di Pianura. L’installazione dei cassonetti per la frazione secca dei rifiuti sta procedendo di pari passo, nei quartieri interessati dal nuovo metodo, anche con quella dei contenitori marrone per la raccolta dell’umido. La netta separazione tra i materiali riciclabili, carta, plastica e vetro e quelli compostabili, gli avanzi di cibo, rappresenta per l’Asìa un obbligo cui i cittadini non potranno più sottrarsi. Le locandine già esposte in città illustrano nei dettagli i metodi e gli orari di conferimento, con le indicazioni sui contenitori da usare per ciascun prodotto. I rifiuti ingombranti, invece, dovranno essere scaricati nelle isole ecologiche, norma che più volte è ignorata vista l’enorme quantità di materassi, mobili ed elettrodomestici che prolifera sui marciapiedi di Napoli. Altresì nelle altre zone proseguirà la tradizionale differenziata con l’ausilio delle campane stradali o con il “porta a porta”.

Maria Palma Gramaglia

 

Caritas Diocesi di Pozzuoli: due giorni di proposte contro la povertà

locandina_convegno_caritas[1]Venerdì 24 nel quartiere di Pianura a Napoli e sabato 25 ottobre al Duomo di Pozzuoli si terrà il 4° Convegno della Caritas

Venerdì 24 e sabato 25 ottobre si terrà il 4° Convegno delle Caritas parrocchiali della Diocesi di Pozzuoli. “I Poveri al centro del Vangelo” è il titolo della due giorni di cui è prevista la partecipazione di oltre 300 volontari provenienti dalle parrocchie, dei rappresentanti dei movimenti, delle associazioni cattoliche e laiche provenienti dal territorio della Diocesi di Pozzuoli (comprende parte di Napoli con i quartieri di Pianura, Soccavo, Fuorigrotta e Bagnoli e i comuni di Pozzuoli, Quarto, Bacoli e Monte di Procida e parte del comune di Marano). Il primo giorno nella parrocchia san Lorenzo di Pianura (venerdì 24, inizio ore 16) è in programma la Lectio Divina curata da don Alessandro Scotto; seguiranno i saluti di monsignor Gennaro Pascarella, vescovo di Pozzuoli, di don Fernando Carannante, vicario episcopale alla Carità e direttore della Caritas Diocesana di Pozzuoli e di Sebastiano Maccarone, direttore del Centro di Accoglienza per i richiedenti Asilo C.a.r.a. di Mineo, in provincia di Catania. L’esperienza siciliana aiuterà a porre l’attenzione sul problema profughi e sull’impegno che la Chiesa italiana sta sostenendo per accoglierli. Interverrà don Salvatore Ferdinandi, responsabile del servizio promozione della Caritas Italiana. I delegati presenti parteciperanno ai laboratori in cui elaboreranno proposte per contrastare la povertà sul territorio. Sabato 25 (inizio ore 16) appuntamento presso la lapide che ricorda l’approdo di san Paolo a Pozzuoli. Da qui partirà una processione verso il Duomo al Rione Terra. Don Salvatore Ferdinandi parlerà dell’Esortazione Apostolica “Evangelii Gaudium” di papa Francesco. Alle 18,30 Celebrazione Eucaristica e a seguire presentazione del Duomo a cura dell’associazione Nemea. «Questo Convegno nasce sulla base delle sollecitazioni dal magistero di papa Francesco – dichiara don Fernando Carannante, direttore della Caritas Diocesana di Pozzuoli – il Pontefice più volte ha richiamato la Chiesa a mettere i poveri al centro del Vangelo. Vogliamo riflettere sul cammino che la nostra Caritas ha effettuato negli ultimi anni insieme alla Chiesa di Pozzuoli e porre la nostra attenzione sulle periferie, esistenziali e geografiche. Non a caso abbiamo scelto una parrocchia di periferia, la san Lorenzo di Pianura, per discutere insieme il primo giorno. L’obiettivo del Convegno è metterci in ascolto del territorio, facendo emergere le tante situazioni di povertà che caratterizzano la nostra società. La Caritas vuole contribuire a stimolare le istituzioni a prendersi cura dei problemi dei cittadini e raccogliere l’invito a collaborare insieme alla Chiesa. Concetti, questi, che ribadisce frequentemente il nostro vescovo nei suoi interventi».