Category Archives: Primo Piano

CONVOCAZIONI PER COLLOQUIO DI SELEZIONE PROGETTO “IL GRILLO 7”

top

Bando per la selezione di n° 20 volontari 

da impiegare in progetti di “SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE” 

Scadenza: 28/09/2018 ore 18.00 

CONVOCAZIONI PER COLLOQUIO DI SELEZIONE 

PROGETTO “IL GRILLO 7” 

comunicato del 8 OTTOBRE 2018 

In data 22 ottobre 2018 alle ore 16.30, presso i locali del CENTRO DIURNO ANFITEATRO, sito in SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE), alla VIA GRAN BRETAGNA – PARCO AVECO snc,
si terranno i colloqui selettivi relativi al bando in oggetto.

I candidati sono tenuti a presentarsi, muniti di un valido documento di riconoscimento (carta d’identità), senza il quale non sarà possibile effettuare il colloquio.

Inoltre, così come previsto dall’art. 5 – Presentazione delle domande – laddove in fase di colloquio non vengano fornite le eventuali integrazioni relative al documento di identità e all’informativa “Privacy”, il candidato sarà escluso dalla selezione.

Il candidato che, pur avendo presentato la domanda, non si presenterà al colloquio, è escluso dal concorso per non aver completato la relativa procedura (all’art. 6 del bando).

LA PRESENTE PUBBLICAZIONE HA VALENZA DI NOTIFICA A TUTTI GLI EFFETTI DI LEGGE

 

CLICCA QUI per l’ELENCO AMMESSI AI COLLOQUI

Presentazione del Pianura Volley Club

evento-volley

Pianura Volley Club premiato per la straordinaria promozione in Serie D

La squadra femminile del Pianura Volley Club che ha conquistato la promozione in Serie D, vincendo 20 partite su 20, è stata premiata dalla FIPAV – Comitato Territoriale di Napoli per la sua straordinaria impresa sportiva: la cerimonia si è tenuta venerdì 5 ottobre al Pala Argine di Ponticelli ed il premio è stato ritirato da una delegazione della squadra femminile accompagnata dell’allenatore Luigi Amoroso.

In edicola il numero di settembre – ottobre 2018

prima-ottobre-18

Servizio Civile Nazionale – BANDO 2018

Microsoft Word - PER IL SITO IL GRILLO.docx

BANDO REGIONE CAMPANIA

SCHEMA SINTESI PROGETTO

LA DOMANDA

ALLEGATO 3

ALLEGATO 4

ALLEGATO 5

IL MODELLO DELLA BUSTA

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Ampliamento cimitero di Pianura

Scaricate i moduli per la richiesta di assegnazione dei loculi

Modulo Avviso

Modulo 23 Mar 2016 Richiesta concessione non residente a Napoli

Modulo 06 Apr 2016 Richiesta deroga già concessionario

In edicola il nuovo numero de “Il Corriere di Pianura”

prima

In edicola il numero di marzo de “Il Corriere di Pianura”

prima

“SGOMINATO” CANILE-LAGER A PIANURA

Una ventina i cani tratti in salvo

Un vero e proprio lager per animali scoperto in seguito ad una segnalazione è stato rinvenuto in uno stabile fatiscente in una zona di campagna tra Pianura e Marano, dove una ventina tra barboncini Toy, malesi e gattini erano tenuti da tempo in uno stato di segregazione da un uomo residente nello stesso luogo malsano. Uno scenario raccapricciante e al limite del grottesco ha accolto gli agenti del Commissariato di Pianura, coordinati dal vice-questore Maurizio Fiorillo, che insieme  alle guardie zoologiche dell’ENPA(Ente Nazionale Protezione Animali) ed ai veterinari dell’Asl, hanno “sgominato” questa attività illegale finalizzata all’allevamento di cani, addirittura pubblicizzata su Internet come piccola pensione. Qui in realtà gli amici a quattro zampe erano costretti a vivere in un penoso abbandono, tra ragnatele, escrementi e avanzi di cibo, senza alcuna autorizzazione. I malcapitati cuccioli sono stati rinvenuti in uno stato di forte degrado ambientale, igienico-sanitario, soggetti a maltrattamenti in una condizione quindi palesemente non idonea, rinchiusi in gabbiette che li costringevano quasi all’immobilità. Inoltre per i veterinari sopraggiunti nel canile-lager preoccupante è stato anche il ritrovamento di farmaci scaduti per uso umano probabilmente destinati ai cuccioli. Gli animali sono stati sottoposti a sequestro penale e trasferiti in una struttura di accoglienza, mentre il proprietario dello stabile è stato identificato e denunciato per maltrattamenti. L’invito delle forze dell’ordine resta quello di segnalare qualsiasi situazione sospetta all’ENPA, ente responsabile per la tutela degli animali,  attivo 24 ore su 24 che grazie al proprio nucleo di guardie  zoologiche, coadiuvato (nei casi più delicati come questo) con le forze dell’ordine, si preoccupa di far fronte a simili incresciose situazioni.

 Rosa Caputo

Chi sarà il nuovo presidente della Repubblica?

Da oggi il parlamento sarà chiamato ad eleggere il successore di Giorgio Napolitano alla presidenza della Repubblica dopo le dimissioni di quest’ultimo. Il novennato di Napolitano si è caratterizzato per un forte intervento nelle scelte politiche del governo e del parlamento. Il presidente uscente si è anche segnalato per la scelta di Mario Monti come capo del governo nella fase acuta della crisi del debito quando lo spread, il differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi, aveva toccato picchi vertiginosi. Ma soprattutto Napolitano sarà ricordato per essere finora l’unico presidente ad essere rieletto per un secondo mandato. Molti ricorderanno l’incresciosa votazione che affondò Prodi nel 2013 e come conseguenze portò la fine della segreteria Bersani e diede vita ad un governo di larghe intese con Enrico Letta a Palazzo Chigi. Dopo quasi due anni sono molte le cose cambiate sulla scena politica italiana. Renzi è il nuovo presidente del Consiglio, Berlusconi è decaduto da senatore dopo essere stato condannato per frode fiscale e il Movimento Cinque Stelle fatica a prendere in mano le redini dell’opposizione. Anche questa volta l’elezione presenta molte incognite. Quali caratteristiche deve avere il nuovo presidente? Deve essere laico o cattolico? Uomo o donna? Lo si preferisce “interventista” o semplice taglianastri? Tecnico o politico? Ma molti interrogativi investono chi dovrà eleggere il presidente. Il patto del Nazareno tra Renzi e Berlusconi, l’accordo per la riforma elettorale e della Costituzione, potrebbe interessare anche l’elezione del nuovo inquilino del Quirinale. Quello che è certo è che il pallino dell’elezione è nelle mani del PD che detiene quasi la metà dei grandi elettori e, dopo le elezioni europee, rappresenta il secondo banco di prova per Matteo Renzi. Un elezione nei primi quattro scrutini sarebbe certamente un successo per Renzi, ne rafforzerebbe la leadership nel partito e la presa sull’elettorato. In caso contrario, un elezione che si trascina per cinque o più scrutini creerebbe certamente grattacapi all’ex sindaco di Firenze, metterebbe in crisi il patto del Nazareno e porterebbe alla ricerca di maggioranze alternative con il ritorno in gioco della minoranza Pd, di Sel e del Movimento Cinque Stelle.

A cura di Gianluca Bianco